compostiera domestica

Come funzionano le compostiere domestiche e perchè dovresti averne una in casa

Gli esseri umani durante la loro esistenza hanno sempre prodotto una grande quantità di rifiuti.
Sicuramente il progresso ha aumentato le produzioni di sostanze di scarto, in seguito all’introduzione di sempre più servizi e opportunità.
Cibi che secoli fa non se ne conosceva nemmeno l’esistenza ora fanno parte dell’uso comune, i quali con il loro smaltimento possono creare ulteriori rifiuti.
Un rifiuto può essere di vari materiali, dalla carta alla plastica.

Oggi ci soffermeremo in particolare su quelli organici, vedendo in quali modi è possibile smaltirli.
Solitamente un rifiuto biologico viene gettato nel cassonetto della spazzatura, il cui contenuto sarà poi raccolto e riciclato.

Grazie all’innovazione tecnologica al giorno d’oggi esistono nuovi modi per riciclare i rifiuti, dando la possibilità di scelta al cittadino stesso.
Stiamo parlando delle compostiere domestiche, strumenti dall’alto potenziale di utilità.

Che cos’è la compostiera?

Una compostiera è un apparecchio in grado di riciclare i rifiuti organici posti al suo interno, tutto ciò che si deve fare è semplicemente versarli dentro.
Gli scarti naturali inseriti subiranno un processo di trasformazione, attraverso il quale il contenuto verrà convertito in concime.
Questo passaggio è di uso comune nel mondo della natura, la compostiera accelera notevolmente il procedimento.
Al suo interno è possibile porvi sia scarti provenienti dalla cucina, come resti di carne o bucce di frutta, sia elementi del giardino che si vogliono smaltire, come foglie secche o erbacce.

Dove si può usare

La comodità del prodotto è naturalmente indirizzata ai possessori di un grande numero di piante con annesso giardino.
Quest’ultimo è il luogo dove quasi sempre possiamo trovare la compostiera, in modo tale da poter subito usare il concime ottenuto.

La miglior postazione possibile della compostiera sul prato può essere in un luogo a diretto contatto con il terreno, lontana da pozze d’acqua e possibilmente riparata da un’ombra.
In alcuni casi è possibile vederla anche in case senza prato, occupando lo spazio di un balcone, piccolo e grande che sia. Vedi i migliori modelli di compostiere domestiche e da balcone su itop5.it, dopo la lettura della guida sarai in grado di scegliere il modello più adatto al tuo appartamento.

Come usarla

Prima di tutto bisogna posizionare al di sotto della propria compostiera una superficie in grado di contenere e drenare i liquami che il prodotto genera.
I processi di decomposizione che essa svolge causano infatti importanti perdite liquide, che se non opportunamente smaltite posso comportare vari problemi.
Gli elementi da poter posizionare possono essere dei rametti secchi come anche della terra.
Gli scarti presenti all’interno dovranno creare un composto equilibrato, con la giusta compattezza e umidità.

Nel primo caso si intende un miscuglio di scarti non troppo appiccicato, formando una massa unica che può interferire con i normali processi di smaltimento.
Per umidità adatta invece si intende la gestione di un contenuto né troppo acquoso né troppo secco.
Scarti che creano troppa umidità non permetteranno una corretta conversione in humus, creando un forte e fastidioso odore.
Rifiuti invece troppo secchi causano bruschi rallentamenti di decomposizione, fino ad alcuni casi fermare completamente il processo.

Perché comprare una compostiera?

I vantaggi che l’acquisto di una compostiera sono vari:

Decomposizione più rapida, evitando eccessivi danni ai rifiuti
Aiuto per l’ecosistema, riducendo l’inquinamento creato dai processi di smaltimento e diminuendo l’utilizzo di concimi con sostanze chimiche dannose
Veloce eliminazione dei rifiuti, grazie a questo prodotto rapido ed efficiente
Utile per giardino, ottenendo grandi quantità di humus per aiutare le proprie piante, migliorando anche le condizioni del terreno
Niente più rifiuti in giro, rischiando di creare olezzi non graditi
Ridotti costi, senza dover più acquistare costosi prodotti per il prato e per le piante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *